Einstein aveva ragione: trovate le onde gravitazionali


Dopo 100 anni arriva la conferma scientifica. La scoperta annunciata dagli scienziati italiani e americani, che le hanno rilevate lo scorso 14 settembre al termine del processo di fusione di due buchi neri. Per la fisica si apre una nuova era. Servizio di Francesca Fanuele
Sono state scoperte le onde gravitazionali previste da Einstein. Le ha rilevate lo strumento Ligo (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), in Usa, e i dati sono stati analizzati dalle collaborazioni internazionali Ligo e Virgo. Quest’ultima fa capo allo European Gravitational Observatory fondato e finanziato dall’italiano Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dal Consiglio nazionale delle ricerche francese. L’annuncio è stato dato oggi a Cascina (Pisa), dove si trova lo strumento Virgo. “E’ la prima rilevazione diretta delle onde gravitazionali” ed “apre un nuovo capitolo dell’astronomia”, ha detto il coordinatore della collaborazione scientifica Virgo, Fulvio Ricci.
Le onde gravitazionali sono le increspature dello spazio-tempo generate da eventi cosmici violenti, proprio come le onde prodotte quando si lancia un sasso in uno stagno. E’ stata la collisione tra due buchi neri avvenuta un miliardo di anni fa a provocare il primo segnale delle onde gravitazionali mai scoperto, rilevato dalle antenne dello strumento Ligo ed analizzato fra Europa e Stati Uniti dalle collaborazioni Ligo e Virgo. Per la fisica è un risultato senza precedenti. Il risultato è doppiamente sorprendente perché, oltre a confermare l’esistenza delle onde gravitazionali, fornisce anche la prima prova diretta dell’esistenza dei buchi neri.

Fonte: http://tg.la7.it/scienza-e-tecnologia/partita-exomars-europa-su-marte-in-cerca-di-vita-14-03-2016-102049

Ricevi gli ultimi aggiornamenti.



Lascia un commento